cieloquer
Sei in: Home NATURA FLORA Boschi Querceti

Querceti caldo-asciutti

E-mail Stampa

roverella128Presenti nei versanti sud-occidentali di Poggio Ripaghera, in posizione quindi prevalentemente assolata, e nell'area compresa tra Casa Meleto - Alberaccio e Casa Malaspina, questi boschi sono costituiti prevalentemente da roverella, una quercia assai diffusa sulle colline toscane (il comune "querciolo"), che qui forma boschi puri o misti, assieme a cerro, a carpino nero e al frassino minore o orniello.

La roverella domina nelle stazioni più asciutte, il cerro in quelle più fresche e con suoli profondi, il carpino nero nei suoli poveri e sui versanti ripidi, quali ad esempio i versanti in sinistra idrografica del fosso del Caprile presso la loc. Piantamalanni. Si tratta di boschi cedui, utilizzati da secoli per ricavare la materia prima per i numerosi utilizzi agricoli o come legna da ardere. Esemplari secolari di roverella si rinvengono lungo sentiero che collega l'Alberaccio con la loc. Castelluccio, cosi come tra le Lucole e il Santuario della Madonna del Sasso.

II sottobosco è costituito da arbusti e Piante erbacee. Tra i primi, sono diffusi ii biancospino, che in autunno si ricoprono di frutti rossi assai appetiti dagli uccelli, il sanguinello, it cui nome rimanda alla colorazione rosso vinata delle foglie d'autunno, la coronilla, una graziosa leguminosa dai fiori gialli che assomiglia a una ginestra.

Nelle situazioni più calde (nei pressi della loc. Pratellino, tra gli arbusteti del versante sud-occidentale del Poggio Abetina) si ritrova anche il leccio.

querceto770