dida
Sei in: Home Didattica COME ORGANIZZARSI

COME ORGANIZZARSI

E-mail Stampa

dida128Consigli per i Docenti e i genitori

L’Area Naturale di Santa Brigida è anche una AULA perfetta per insegnare storia, geografia e, soprattutto, le scienze.
Le attività che vi si possono svolgere sono moltissime, e a pochi chilometri dalla città.
Gli alunni, con un breve viaggio, passeranno magicamente in mondo antico, molto diverso dal loro consueto ambiente: un mondo fatto di alberi, fiori, prati, rocce, strade e costruzioni antiche e misteriose.


Il centro Visite e il Santuario del Sasso sono un ambiente perfetto come base per qualunque attività didattica.
Il grande loggiato del Santuario, che si apre sul panorama della Val di Sieci, è un’aula perfetta per le vostre brevi lezioni. Poi si va sul campo, anzi ... nel bosco!

LOGISTICA

Prima di affrontare i contenuti della didattica, è bene che risolviate i principali problemi logistici.

1. Il trasporto
L'accesso più semplice e suggestivo all'ANPIL è attraverso l'antica strada selciata che sale dall'abitato di S. Brigida.
Si può arrivare a S. Brigida con l'auto, il pulmino scolastico (se è disponibile) oppure col pullman di linea (vedi In Autobus).
Il pullman permette di partire e tornare a Firenze, Molino del Piano, Sieci, Pontassieve.
Il pullman passa nelle vicinanze di varie scuole della Città di Firenze ed è molto comodo (viene usato giornalmente dai ragazzi di S. Brigida per andare nelle scuole superiori della città).

salita400 2. L'accesso pedonale
Dal grande parcheggio all'ingresso di S. Brigida, si tratta di camminare per circa 1 km e mezzo, salendo per una strada ampia e in gran parte selciata. Ciò significa poco fango ma una certa attenzione nello scendere (si può scivolare se la stagione è molto umida).
I pericoli oggettivi sono limitati, ma i ragazzi vanno sempre controllati: la strada passa infatti vicino alla gola di un torrentello, che presenta dei salti di roccia e possibili pericoli; è quindi tassativo rimanere sulla strada.
La salita vera e propria si compie nell'ombra del bosco, perciò adatta anche nei periodi abbastanza caldi. D'altra parte, l'esposizione a Sud-Ovest tiene questa strada sembre al riparo dai freddi venti settentrionali, rendendola piacevolmente calda nei giorni di sole invernale.
Il dislivello in salita è di poco superiore ai 100 m, e la durata per un escursionista medio è di circa 45' - 1h. Considerando i tempi necessari a dare un rapido sguardo intorno, una classe impiega almeno 1h 30' a salire dal parcheggio di S. Brigida fino al Santuario. La discesa è naturalmente più rapida.

3. Il Santuario è sempre aperto, con un grande loggiato che fornisce riparo dal vento e dalla pioggia ed è adatto per le piccole lezioni sul campo.
Il panorama è bellissimo, ma bisogna assolutamente evitare che qualche ragazzo si sporga troppo dal muretto a Sud, può essere pericoloso!
Il Centro visite dell'ANPIL, che si trova nel complesso del Santuario, è sempre aperto e può fornire un ulteriore ricovero in caso di maltempo.
Sono disponibili i servizi igienici, accessibili anche ai disabili.

4. Guardate le previsioni del tempo: le pubblichiamo anche in questo sito. Organizzatevi in relazione alle situazioni previste.

5. Per mangiare è necessario portarsi un panino, e magari dell'acqua (l'acqua potabile è garantita solo al Santuario, le sorgenti nell'Area non sono controllate).
Ogni ragazzo deve riportare a casa gli imballaggi e i rifiuti che produce, questo fa parte dell'educazione e fa acquisire consapevolezza riguardo alle responsabilità individuali.

camera400
6. Sono possibili anche soggiorni più lunghi: il grande complesso del Santuario dispone di alloggi per i gruppi e i loro accompagnatori.
Informandosi preventivamente, è possibile utilizzare la Casa del Pellegrino, con una camerata da 12 letti e altre stanze con letti singoli o doppi.
Di solito gli ospiti lasciano una offerta per coprire le spese.

DIDATTICA

Già di per sé, l'accesso per l'antica Strada Selciata, descritto sopra, permette di fare mille considerazioni e attività: sulle specie forestali, sulle tecniche di costruzione delle strade antiche, sui pellegrinaggi, ecc. ecc.

Nei pressi del Santuario abbiamo attrezzato un Castagneto Didattico, con panneli esplicativi, tavoli e panche, dove si possono svolgere attività di osservazione e di studio in un classico castagneto da frutto, elemento basilare nella dieta delle popolazioni di alta collina e montagna.

Il Santuario è da solo un formidabile argomento di studio, sia dal punto di vista storico-artistico, che religioso ed etnografico. Alle sue spalle si svolge, per poche centinaia di metri, un antico Acquedotto, che può fornire lo spunto a riflessioni sull'acqua e il suo valore strategico.

Il lungo Sentiero delle Burraie deve essere spezzato in più tappe, o percorso solo in parte, ma fornisce elementi di grande interesse e riflessione: il rapporto tra agricoltura e allevamento (coltivatori e pastori), tra pastoria stanziale e transumante, la catena del freddo, oggi e nel passato, le problematiche della conservazione del cibo, ecc.

Abbiamo anche approntato un Sentiero per Tutti, poco sopra al centro abitato di S. Brigida. Il sentiero è stato risistemato in modo che possa essere percorso anche da persone con disabilità motoria (in carrozzella).
Il sentiero si svolge in un'area dove, a maggio, fiorisce il raro Cistus laurifolius, e termina alla Fonte della Guardia, dove abbiamo restaurato un'antica sorgente ed allestita una piacevole area di sosta, con tavole e panche, all'ombra degli alberi. Il luogo si presta perfettamente per osservazioni, raccolta di foglie in autunno, rilievi di cortecce, ed altre attività di scienze naturali.
E' anche casualmente presente una sezione del terreno, dove è possibile studiare la stratigrafia.

trenaturalisti500 
I ragazzi dovrebbero portare con loro taccuini, macchine fotografiche, binocoli, per prendere appunti, osservare, disegnare o fotografare.

Ci sono tanti altri motivi di interesse, che scoprirete in questo sito, ma niente vale quanto una visita sul posto. Se siete un docente, venite da solo a dare un'occhiata, studiate l'itinerario e le attività da proporre ai ragazzi e, soprattutto, fate un bel giro nei nostri bellissimi boschi. Ci tornerete.

pranzo770

Il momento del pranzo nella Casa del Pellegrino, durante un soggiorno scolastico.