sb
Sei in: Home ITINERARI Anello del Ripaghera

Anello del Ripaghera

E-mail Print
There are no translations available.

traverso128Un percorso breve ma intenso, tra i luoghi più suggestivi dell'ANPIL.

costone500 Il percorso copre circa 6 km, con un dislivello di 350 m, per 2h 30' di cammino. La salita è piuttosto ripida.

Si parte direttamemte dal Santuario del Sasso, che consigliamo di raggiungere a piedi da S. Brigida, per la suggestita Via del Sasso (calcolare i tempi aggiuntivi). Se si ha poco tempo, si può salire in auto verso il Sasso, e parcheggiare nella piazzola posta sulla sinistra della strada, 500 m prima del Santuario.

Il percorso parte salendo dietro al complesso del Santuario, per il sentiero 2. Si tratta di una stretta traccia che corre lungo il ripido versante orientale del Sasso, il contrafforte che ha dato il nome al Santuario. Il sentiero è tracciato lungo i banchi di arenaria, inclinati dall'azione orogenetica.
Passato il fossetto, ci volteremo ad ammirare il rivolo d'acqua che scorre superficialmente su un lungo banco di roccia inclinata (attenzione a non scivolare!).
Alla nostra destra lo scuro versante del sasso, sullo sfondo la Valle del Fosso delle Sieci e, in lontananza, le colline del Chianti Fiorentino.

Penetriamo ora nel castagneto, ammiriamo la Burraia di Nannarino (o di Masso al Piano), con una piacevole area attrezzata per la sosta. Segue una ripida salita nel bosco di castagni, fino a quando troviamo i faggi e le conifere che preannunciano il crinale. Prendiamo ora il sentiero di crinale, lo 00, in direzione Ovest, ed in breve troveremo la deviazione per il sentiero 4, che scende velocemente a quota 621 m, dove ignoriamo il sentiero 00, per prendere a sinistra il sentiero 1.
Transitati da Casa Pratellino, con panorama, il sentiero (una antica strada vicinale) percorre il bosco, attraversa un inclinato banco di arenaria e si immerge nuovamente nel bosco.
Passata un grotta, e attraversata la strada che porta a Masso al Piano, il sentiero scende verso il Santuario ricalcando il tracciato dell'antico acquedotto, riportandoci al punto di partenza.
Difficilmente troverete un altro percorso, breve e intenso come questo, che possa offrire una simile varietà di ambienti e paesaggi.

ripagheraAN770

.

quadroUnione500

Puoi scaricare la mappa dei sentieri in formato .pdf, suddivisa in pagine, e stamparla a casa tua (va bene anche in bianco e nero). Per questo sentiero ti serviranno i fogli: A10 – A20 - B10 - B20.
Certamente sarebbe meglio avere con sé la bella Cartoguida del Sentiero delle Burraie (realizzata da SELCA), in distribuzione presso il Centro Visite dell'ANPIL (al Santuario del Sasso) o presso l'Ufficio Relazioni col Pubblico del Comune di Pontassieve.

 .